Somma ingratitudine

Audio poesia: Somma ingratitudine Modifica PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Testi autori Poesia
Scritto da Ignazio Amico   
giovedì 25 ottobre 2007
Condividi il testo su:
blogchatta
Dicevi
diggita
faiinformazione
kipapa
oknotizie
segnalo
upnews
wikio
BlinkList
Delicious
Digg
Ma.gnolia
Mister.Wong
netscape
Reddit
Stumble
Technorati
YahooMyWeb

Audio poesiaSomma ingratitudine, audio poesia scritta da Ignazio Amico dalla voce di Enrico Besso. Pulsa affannoso il cuore della citta’ che corre frenetica incontro al niente. Nell’aria un rumore cupo, indefinito …


Enrico Besso legge ‘Somma Ingratitudine’ di Ignazio Amico



Immagine: Campo di grano… – book fotografico di Bagna

Somma ingratitudine

Pulsa affannoso il cuore della città,
che corre frenetica incontro al niente.
Nell’aria un rumore cupo, indefinito,
continuo, che mette ansia ed opprime;
nel cielo una cappa di veleno
sospesa minacciosa sulle teste
di automi, che si agitano scomposti,
incitati dalla sferza di padron denaro.

Visi assenti, tirati, incuranti
di quanta bellezza ci sta intorno,
sordi alle carezze della natura,
cui dànno in cambio pestiferi veleni,
cemento su cemento, orrende mutilazioni,
facendo strazio di mari e di fiumi,
portando il deserto dove prima
lussureggiante il verde sorrideva.

Modera, uomo, la tua insana corsa:
soffermati a mirare lo splendore
di spiagge libere che il mare azzurro bacia,
fai riposar lo sguardo su declivi boschivi,
su campi ondeggianti di messi;
assapora i profumi dell’aria tersa,
ascolta l’armonia dell’universo:
Natura si fa bella perchè tu sia felice.

Ignazio Amico

Somma ingratitudineultima modifica: 2007-12-08T14:25:00+01:00da iamico
Reposta per primo quest’articolo