Speranza

 

book fotografico di glamismac

 

 

Sanguino e non piango;
ferite aperte come labbra
dischiuse in un doloroso sorriso.

Con le mani riaccosto lembi
della mia carne straziata,
senza compiangermi, senza un lamento.

Stringo i denti e mi rialzo
per non vedermi inerte,
per convincermi che non è la fine.

Un tenue raggio di sole
attraversa i miei pensieri,
il piacere del viver si ridesta,
colgo qualche sorriso attorno a me:
un filo di speranza ancor mi resta.

 

 (Ignazio Amico)

 

 

Speranzaultima modifica: 2008-01-06T12:15:00+01:00da iamico
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Speranza

Lascia un commento