Di notte affacciato al mio terrazzo

 

 
1e127414e6b0aae632940e1f81600708.jpg

                                                                      

Notte, materno grembo,
dove la convulsa vita
s’acquieta e dorme
e domina la pace ed il silenzio.

Dalla mia casa,
posta su in collina,
m’affaccio all’ora tarda

a rimirare la mia città,
il cui stanco respiro
quassù mi par di udire,
mentre la fioca luce dei lampioni
calda l’avvolge e ne protegge il sonno. 
  E sento il chiacchierio dei grilli
e i gufi chiamarsi dentro il bosco
e, respirando il buio,
l’essere mio di dolcezza s’empie,
  di vera pace e gioia.

Poi altre luci lontane
mi soffermo a guardare,
nel cielo tempestato di brillanti,
che invisibile mano
sembra agitare,
per esaltarne tutto lo splendore.

Sovrana sta la luna ad aspettare
l’ultimo mio saluto
e quando, stanco,
cedo a Morfeo le membra,
di là dai vetri il suo sorriso appare.

       (Ignazio Amico)

Di notte affacciato al mio terrazzoultima modifica: 2008-01-16T16:55:00+01:00da iamico
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento